Tatuatori.com: Ciao Mattia, quando hai cominciato ad interessarti di tatuaggi?

Mattia: ciao ho iniziato ad interessarmi sul mondo e dei tatuaggi circa 8 anni fa, dopo aver vissuto una parentesi a Londra e conoscendo qualche tatuatore del posto, ho deciso di iniziare questo percorso una volta tornato a casa.

Tatuatori.com: Parlami del tuo stile e delle tue influenze artistiche….

Mattia: mi definisco un tatuatore realistico, perché mi piace rappresentare su pelle una cosa che sembri viva. Ho iniziato a disegnare personaggi di Cartoni animati da piccolo, per poi passare gradualmente a cose più difficili come fiori, volti e per finire ritratti che ancora oggi mi vengono commissionati su carta.

Tatuatori.com: Esegui solo lavori nel tuo stile o cerchi do soddisfare idee del cliente anche se non ti rispecchiano come artista ?

Mattia: cerco di soddisfare anche lavori che non fanno parte del mio stile, perché il cliente in un modo o nell’altro bisogna sempre soddisfarlo e quando ho queste richieste mi riempiono di orgoglio, perché nonostante sappiano che non è il mio stile dall’altra parte c’è fiducia.

Tatuatori.com: Quanto tempo dedichi al disegno e alla creazione di tuoi pezzi ?

Mattia: Lavorando sul realistico, ed essendo appassionato dei dettagli, cerco sempre di creare opere parecchio dettagliate perché a parer mio i dettagli fanno la differenza. Di conseguenza impiego sempre parecchio tempo prima di arrivare alla soddisfazione personale.

Tatuatori.com: Parlami del processo creativo che ti porta al tatuaggio su pelle, di come preferisci lavorare, se prepari bozze o disegni finiti su indicazioni del cliente etc. etc.

Mattia: Come dicevo al punto precedente impiego parecchio tempo per essere convinto e in genere preparo sempre la bozza prima per farla vedere al cliente in modo da poterla modificare qualora servisse. Spesso capita di fare modifiche anche a lavoro in corso quando mi viene in mente qualche altra idea. In questi casi il pennarello è il mio migliore amico.

Tatuatori.com: Cosa diresti a chi vuol intraprendere la strada per diventare tatuatore/trice ?

Mattia: Direi che questo è un mondo particolare, ma allo stesso tempo enormemente soddisfacente. Creare arte su pelle e rivedere opere nel corso degli anni è una delle soddisfazioni più grandi che questo lavoro possa dare. Bisogna rimanere consapevoli peró del fatto che bisogna agire sempre con sicurezza, sia di noi stessi sia dei prodotti che utilizziamo. Io sarò di parte, ma per me è il lavoro più bello del mondo!

Tatuatori.com: Qual’è il tuo Social preferito e quanto è importante per il tuo lavoro

Mattia: ormai i social sono mezzi importanti per comunicare un lavoro di qualsiasi natura. Per i tatuaggi sopratutto, Instagram è uno dei mezzi per eccellenza per avere pubblicità e detiene un ruolo importante al fine di farsi conoscere. Grazie ad esso, ho avuto anche richieste di quadri e tatuaggi anche da parte di persone dello spettacolo.

Tatuatori.com: Come ti aiuta internet e la tecnologia per il tuo lavoro ?

Mattia: internet ormai è la base di tutto: per il mondo dei tatuaggi ormai qualsiasi immagine si trova in rete, ed è per me fonte di riuscita e ispirazione per tutte le mie creazioni. Cerco sempre di assemblare più soggetti e rendere un progetto unico affinché il tatuaggio finito sia personale per ogni cliente.

Tatuatori.com: Cosa ti piace fare oltre i tatuaggi ;-)) ?

Mattia:oltre ai tatuaggi eseguo quadri (olio su tela) ,ritratti a matita su carta, pirografie su legno. Trovo forme d’arte in tutte le cose che vedo intorno a me.

Tatuatori.com: Un commento finale per i lettori di Tatuatori.com ?

Mattia: Raggiungete le vostre ambizioni e i vostri sogni. Non importa come, l’importante è raggiungerli… Non solo in ambito lavorativo, ma anche nella vita non ci si deve mai arrendere e cercare di prendere le cose negative come punto di partenza per migliorarsi. Quando ho iniziato a prendere la macchinetta in mano, sono andato alla ricerca di vari studi e nessuno ha avuto aspettative su di me…ho preso queste batoste come punto di partenza e sono arrivato alla mia più grande soddisfazione lavorativa: l’apertura del mio studio e ad avere la fiducia di molte persone.
Se a quest’ora avessi dato fede a tutte quelle chiacchiere, probabilmente adesso non avrei avuto tutte le soddisfazioni che questo lavoro mi sta dando. Il mio motto è “se vuoi puoi, il resto sono scuse”.

Mingarelli Mattia Tattooer

Studio: @eleven_ink